La gommalacca è una resina naturale, che viene prodotta da un insetto che vive in Thailandia ed in alcune regioni dell’India, il quale se ne serve per potersi aggrappare alla corteccia degli alberi.
Una volta raccolta, dopo un primo processo di purificazione,  si presenta in sottili scaglie molto friabili, di colore ambrato.

 

Le caratteristiche

E’ di facile reperibilità in qualsiasi negozio di belle arti ed è generalmente venduta in buste da 1 kg, ma solitamente è possibile acquistarne anche in frazioni di 100 grammi.

Le caratteristiche fondamentali della gommalacca sono la sua straordinaria durevolezza e brillantezza. Non a caso essa è stata impiegata già negli anni ‘800 per la finitura di mobilio di pregio, in particolare dai francesi dai quali è stata anche copiata la tecnica di applicazione e lucidatura, mediante l’utilizzo di un tampone; in passato essa veniva utilizzata soprattutto in colata per la produzione di decorazioni o piccoli accessori.

Oggi è utilizzata prevalentemente nel restauro e in liuteria; nell’arredamento, anche di pregio, è stata quasi interamente sostituita invece da vernici sintetiche.
La sua applicazione richiede tempo e molta pazienza, ma i risultati finali sono eccellenti, duraturi e conferiscono al legno un aspetto vivo e piacevolmente morbido.

Poiché atossica, è utilizzata a volte anche nell’industria farmaceutica per la produzione dei rivestimenti delle pillole o in ambito agroalimentare come lucidante frutta e verdure.

 

La preparazione in soluzione alcolica

Il solvente più utilizzato per discioglierla è l’alcool etilico, di cui personalmente consiglio con concentrazione di almeno 94 gradi, quindi non il comune alcool che si trova al supermercato e che spesso abbiamo in casa.

Il processo di diluizione è molto semplice: quello che vi riporto non costituisce una regola assoluta ed è facile che vi siano opinioni e tecniche molto diverse, tuttavia è il frutto di esperienza consolidata e nozioni acquisite da professionisti esperti.

La stesura della gommalacca avviene generalmente in 3 fasi: l’applicazione o stesura, la sgrossatura e la lucidatura. Per ognuna di queste fasi è opportuno preparare la gommalacca con diluizioni diverse.

 

Le diverse diluizioni

Inizieremo con una diluizione al 20%, detta anche soluzione madre, intesa come rapporto volume bottiglia /peso gommalacca, ovvero in una bottiglia da 1 Litro (meglio di plastica trasparente per preservare la fuoriuscita di alcool infiammabile in caso di rottura della stessa) verseremo 200 grammi di gommalacca e riempiremo di alcool la bottiglia fino alla fine.
La gommalacca inizierà subito a sciogliersi con un conseguente calo del volume, ma non bisogna aggiungere altro alcool. Lasciamo riposare almeno una notte e, il giorno seguente, agitiamo bene il contenuto e filtriamo il tutto in una nuova bottiglia utilizzando un imbuto con all’interno una comune calza da donna tipo collant.
La nostre gommalacca è pronta per poter essere utilizzata.

Ovviamente possono essere utilizzate anche quantità minori, purché si rispetti il rapporto volume / peso.
Ad esempio, per una bottiglia da mezzo Litro, utilizzeremo 100 grammi di gommalacca per ottenere una diluizione al 20%.

Sulla base di quanto scritto sopra prepareremo anche una diluizione al 10% (quindi nel caso di bottiglia da 1 Litro utilizzare 100 grammi di gommalacca e tanto alcool fino a riempirla) e una al 5% (50 grammi di gommalacca per la bottiglia da un Litro).

Eventualmente, utile se necessitiamo di piccole quantità, possiamo anche allungare la soluzione già preparata al 20% per ottenere diluizioni intermedie: se versiamo in una bottiglia da mezzo Litro la soluzione al 20% fino alla sua metà e riempiamo il resto di alcool otterremo subito pronta una diluizione al 10% e così via.

Io utilizzo anche una diluizione al 2,5% per la lucidatura finale.

 

Il tampone per la lucidatura

 

 

Commercialmente esistono ovviamente già pronti, ma sconsiglio di comprarli perché costano molto ed è meglio poterli adattare in base alla superficie che vogliamo trattare, la grandezza del tampone infatti dovrà essere adeguata alla grandezza del pezzo che deve ricevere la finitura.

Lo strato esterno è composto da un panno di cotone, di dimensioni quadrate. L’interno, o nucleo, è costituito da cotone che costituisce il materiale assorbente, avvolto in un panno di lana che si occuperà di rilasciare piccole quantità di vernice.

Imbeviamo il cotone e con il panno di lana andiamo a formare una piccola palla, avvolgiamo il tutto al panno di cotone facendo attenzione che non ci siano grinze sulla superficie di appoggio del tampone, schiacciamolo un po’ per appiattirlo e il nostro tampone è pronto.

 

L’applicazione della gommalacca: pennello o tampone

Per piccole superfici possiamo utilizzare direttamente la soluzione al 20%.
Questa diluizione è utile anche nel caso si voglia applicare a pennello anziché a tampone.
L’applicazione a pennello è sicuramente più semplice ma i risultati migliori si ottengono con il tampone quindi è bene imparare ad utilizzare da subito questa tecnica.

Per superfici medio-grandi è preferibile invece partire da una diluizione al 10% poiché questa risulterà più facilmente lavorabile.

Il concetto di base per applicare la gommalacca è semplice: quando viene stesa, il quantitativo di alcool in essa contenuta evaporerà (anche velocemente) mentre la resina rimanente, ovvero la gommalacca pura, si consoliderà fino a formare lo strato superficiale.
Le diluizioni intermedie servono a ravvivare momentaneamente la gommalacca per poterla lisciare, rendendola cosi la superficie omogenea e brillante.

 

I cicli di applicazione del tampone

Con il tampone sufficientemente imbevuto iniziamo a stendere la gommalacca uniformemente su tutta la superficie, senza movimenti regolari, purché si faccia attenzione a coprire tutta l’area, con attenzione a bordi o angoli.
Il tampone verrà fatto scorrere alternando movimenti diversi; la sola accortezza da avere è di non iniziare il movimento o di terminarlo in un punto della superficie ma simulare il decollo o l’atterraggio di un aereo, adagiando il tampone quando iniziamo e sollevandolo quando terminiamo.
Questo eviterà la formazione di fastidiosi inestetismi simili alla buccia d’arancio, dette bruciature.

Questa fase è chiamata sgrossatura e prevede la prima lisciatura dello strato di gommalacca. Quando il tampone sarà scarico inizierà a sentirsi un leggero suono simile ad uno scricchiolio.
Possiamo ripetere questa fase se desideriamo avere maggiore consistenza.

Ora possiamo cambiare il nucleo (cotone più panno di lana) e ripetere i passaggi sopra citati utilizzando la diluizione al 5%: la maggiore presenza di alcool ammorbidirà lo strato di gommalacca già depositato è inizierà quindi la fase di lucidatura.
Quando il tampone sarà scarico avvertiremo una leggera resistenza e possiamo aiutarci applicando direttamente sul tampone una goccia di olio di vasellina il quale, contrariamente a quanti molti credono, è assolutamente compatibile con la gommalacca poiché è parte grassa come il quantitativo di cera in essa contenuta.

La piccola presenza di olio renderà subito molto brillante la superficie ma questa è una brillantezza apparente dovuta all’olio stesso e non all’omogeneità della gommalacca.

Insistiamo con almeno due mani di diluizione al 5% e passiamo successivamente o alla 2,5%, se l’abbiamo preparata, oppure aggiungendo poche gocce di alcool sullo stesso tampone e insistiamo ripetutamente con i soliti movimenti del tampone.

L’attrito del tampone genererà calore e l’alcool evaporerà in fretta. Continuiamo fino al raggiungimento del grado di brillantezza che vogliamo ottenere.

 

Conclusioni e considerazioni

Conservazione della gommalacca e del tampone
Conservazione della gommalacca e del tampone

Il tampone può essere riutilizzato qualche volta, basta riporlo in un barattolo di vetro ermetico con un po’ d’alcool all’interno, il quale saturerà l’aria all’interno facendo in modo che il tampone non secchi.

Il risultato finale è una superficie molto liscia e lucida, ma serve tanta, tantissima pazienza.
La lucidatura a tampone è la tecnica che preferisco per applicare la gommalacca poichè garantisce senza dubbio il risultato migliore.

Sebbene richieda tempo e pazienza, è una tecnica che a me rilassa anche molto.

 

 

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto puoi mettere un “Mi piace” cliccando sull’apposito tasto, condividerlo, oppure lasciarmi un commento, grazie! 🙂 

 

Gli ultimi articoli dal blog

Disclaimer e Condizioni

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. I contenuti su questo blog sono rilasciati con licenza CCPL Creative Commons, Attribuzione  - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0. Conosci i tuoi diritti qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *